MANDRINATURA

La mandrinatura è una manovra che dà la possibilità di serrare due elementi attraverso una deformazione meccanica, chiamata espansione. Questa manovra è possibile ottenerla tramite un attrezzo chiamato mandrinatrice, capace di ingrandire la sezione di uno dei due elementi, senza però comprometterne l’integrità meccanica.
Di norma la mandrinatura viene adoperata nel settore idraulico sugli scambiatori di calore, dove i tubi, grazie alla mandrinatrice, vengono espansi ed uniti a delle alette, che permettono di restituire un insieme molto robusto ed efficiente, sia a livello meccanico sia in termini di scambio di calore tra i due elementi, in quanto uniti fra loro in modo preciso e perfetto.
L’utilizzo della mandrinatura è adoperato anche nell’ambito dei raccordi idraulici nei quali tubature, condutture ed altri elementi di collegamento terminale, si possono assemblare fra loro tramite la deformazione dei tubi. E’ una metodica molto economica poichè permette il collegamento meccanico senza il supporto o l’utilizzo di collanti, saldature o guarnizioni di tenuta.
Nel caso in cui non sia possibile l’utilizzo di utensili elettrici per eseguire una mandrinatura per caldaie o scambiatori di calore, la mandrinatrice per tubi pneumatica è lo strumento ideale, in quanto permette di mandrinare con grande affidabilità e precisione. Per eseguirla su nuovi impianti, su caldaie di qualsiasi modello o misura, su scambiatori di calore, condensatori o per manutenzioni, è bene avere delle informazioni di base che permettano di scegliere il mandrino più adatto, al fine di un corretto utilizzo dell’attrezzo. Le informazioni da tener ben presenti sono principalmente: spessore, materiale e diametro esterno del tubo, diametro del foro della piastra tubiera, lo spessore di quest’ultima ed infine il tipo di mandrinatura che si vuole effettuare.
 
Hai bisogno di maggiori informazioni? Contatto il nostro ufficio commerciale

Acconsento al trattamento dei miei dati personali per dettagli leggere la privacy policy